18.09.2012  Il recente provvedimento che consente ai vettori aerei stranieri di portare la propria quota al 49% delle compagnie aeree indiane, nasce con l’obiettivo di immettere liquidità nelle casse oggi in crisi delle principali compagnie locali.

Il provvedimento che si inserisce nell’ambito della ripresa riformatrice del Premier Manmohan Singh, potrebbe vedersi limitato nei suoi effetti se si tiene conto di quanto sono aumentate le tariffe aeroportuali e i servizi a terra.

Solo nell’aeroporto di Delhi gli oneri sono aumentati del 350% rendendo il settore dell’aviazione civile meno attrattivo, anche se la crisi di liquidità sofferta dalle società indiane potrebbe consentire agli operatori stranieri di concludere buoni affari.


Iscrizione alla Newsletter

La newsletter vuole favorire la condivisione di informazioni utili allo sviluppo del business.

Il servizio è particolarmente indicato per approfondire le informazioni provenienti dal mercato indiano, in quanto le opportunità  vanno indirizzate.

La newsletter ci consentirà inoltre di tenere conto dei suggerimenti e dei contributi che possano portare a costruire nuove opportunità di business insieme con i nostri clienti.

 

There is no list available.